321 Views

5 Ottobre 2021
Predatori: il lupo nel gregge, nuova mattanza nella notte nel Golfo di Baratti

Nuova mattanza nel Golfo di Baratti. Uccise due pecore, altre tre in fin di vita. E’ il bilancio dell’ennesima notte di terrore nei greggi della provincia di Livorno dove la presenza di lupi ed ibridi si è fatta via via sempre più frequente. Sono invece innumerevoli gli attacchi sventati dagli agricoltori. A denunciarlo è nuovamente Coldiretti Livorno. Il fatto risale tra la notte a cavallo tra lunedì e martedì. Uno o più predatori sono riusciti ad entrare nel gregge di oltre 300 capi aggirando i dispositivi di protezione (una rete elettrosaldata alta 2 metri). Al risveglio l’allevatore di Baratti si è ritrovato di fronte ad una scena raccapricciante: due pecore sgozzate, e morte, altre tre moribonde. L’episodio di Baratti riporta prepotente al centro del dibattito la necessità di una “vera svolta” per ripristinare un equilibrio sostenibile tra uomo ed animale.

Lupi, ma sempre più spesso ibridi e canidi, entrano dentro greggi e mandrie, più di una volta al giorno. Ma Coldiretti Livorno gli attacchi sarebbero almeno il doppio rispetto a quelli denunciati e risarciti dalla Regione Toscana: “le aziende denunciano di fronte all’uccisione di un capo ma non gli attacchi senza predazione, a volte ripetuti, che spesso hanno conseguenze ancora più pesanti per le aziende come la riduzione della produzione di latte e gli aborti dovuti allo shock – spiega Matteo Serravalle, vice presidente Coldiretti Livorno – Serve una svolta e servono soluzioni”. Nel gregge dell’allevatore di Baratti erano presenti almeno un centinaio di pecore gravide che ora rischiano l’aborto a causa dello spavento. “Una pecora su tre del gregge è pronta al parto. La speranza è che non ci siano ripercussioni sui parti. Sarebbe un danno molto pesante per l’azienda”.

L’altro aspetto spesso sottovalutato è l’incidenza che i ripetuti attacchi di lupi e fauna selvatica hanno sul fenomeno dello spopolamento dei presidi agricoli in montagna e nelle zone svantaggiate. “I predatori scoraggiano le imprese dalle zone montane più difficili e da settori, come la pastorizia, che stanno soffrendo anche a causa di questi fenomeni. – spiega ancora Serravalle - La presenza fuori controllo dei lupi sta contribuendo alla chiusura delle stalle e all’impoverimento della zootecnica con gravi ripercussioni sull’occupazione e sulla manutenzione del territorio”.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi